Le site Tlaxcala est de nouveau en ligne !
The Tlaxcala site is online once again!
La página web de Tlaxcala está de nuevo en línea!
Die Website von Tlaxcala ist wieder online!
http://www.tlaxcala-int.org

Friday, 16 January 2015

Minacce di morte ai giornalisti di Haaretz su una pagina facebook di destra


A seguito dell’ondata di commenti, tra  cui “Con l’aiuto di Dio, i giornalisti di Haaretz verranno assassinati come in France” - Ronen Shoval promette di rimuovere le offese.
di Haaretz | 11 gennaio 2015
Tradotto da Francesco Giannatiempo, Tlaxcala

Ronen Shoval capo di Im Tirtzu*, sulla cui pagina di facebook
sono state  fatte le minacce. Foto d’archivio

Degli utenti di facebook hanno reclamato l’assassinio dei giornalisti di Haaretz, rispondendo a  una richiesta di un politico di tendenze di destra che vuole un’indagine sugli editori di Haaretz accusati di “propaganda disfattista” secondo la Legge 103 del codice penale israeliano.
Ronen Shoval, che corre per le primarie del partito di destra Habayit Hayehudi, ha richiesto un’indagine su facebook nel fine settimana. Questo, dopo che Haaretz ha passato una vignetta in cui i grafici hanno reso omaggio ai vignettisti uccisi nell’ attacco terrorista alla rivista francese Charlie Hebdo.
Shoval, uno dei fondatori del movimento Im Tirtzu e descritto da un tribunale israeliano con affinità “fasciste”, ha scritto: “Ciò che sappiamo, è che gli attacchi terroristici sono il risultato di un’atmosfera di istigazione”.
Secondo Shoval, “Purtroppo, il procuratore generale non farà niente, come sempre. Ma dei legislatori risoluti possono cambiare questa situazione”.
Ne è derivata una serie di minacce. “Dobbiamo fare ciò che i terroristi hanno fatto loro in Francia, però farlo ad Haaretz” ha scritto un utente di facebook, Chai Aloni. “Perchè non c’è un attacco terrorista contro Haaretz?” scrive Moni Ponte.
“Lasciate che i terroristi li eliminino” ha scritto Daniella Peretz. “Con l’aiuto di Dio, i giornalisti di Haaretz verranno uccisi come in Francia” ha commentato Miki Dahan. Così come ha fatto Danit Hajaj: “Dovrebbero morire”.
“Haaretz è il luogo dove i terroristi sarebbero dovuti andare” scrive Riki Michael. “Morte ai traditori” ha aggiunto Moshe Mehager. “Spero che il terrorismo raggiunga Haaretz quanto prima” scrive Tuval Shalom. “Con l’aiuto di Dio, [ci sarà] un’operazione di Hamas vi ucciderà tutti, come i giornalisti in Francia” scrive Ruti Hevroni.
Il personale della redazione di Haaretz ha dichiarato che le vignette pubblicate nel progetto editoriale erano a cura dei disegnatori del giornale, non del comitato di redazione. E  così sono state presentate.
“È sorprendente che nella cornice del dibattito globale sulla libertà di espressione e di stampa, e nel momento in cui dei giornalisti siano stati uccisi per l’esistenza di questo diritto, gli utenti di internet esigano che Haaretz censuri completamente una vignetta il cui contenuto non sia loro gradito” ha dichiarato un portavoce del personale di redazione di Haaretz.
“[La vignetta rappresenta] la visione personale del vignettista, così come le vignette di Charlie Hebdo esprimevano le opinioni dei disegnatori che vi lavoravano e venivano pubblicate in nome della libertà di espressione, anche se erano provocatorie e facevano infuriare molte persone. Il ruolo della caricatura, o di qualsiasi altro messaggio visivo, è di suscitare pensieri e dibattiti”.
Shoval ha risposto all’ondata dei commenti su facebook sabato pomeriggio, promettendo di rimuovere le offese. "Grazie per aver attirato la mia attenzione sui duri commenti postati sulla mia pagina" ha detto Shoval. "Mi accerterò di farli cancellare velocemente; come avete detto, capisco che l’istigazione porti all’omicidio. E nello stesso istante, vi chiedo di rimuovere immediatamente la caricatura".
*Im Tirtzu (in ebraico è “Se lo vuoi” dalla frase di Theodor Herzl “ Se lo vuoi, non è un sogno”) è un gruppo sionista exta-parlamentare con base in Israelee fondato da Rone Shoval nel 2006. L’obiettivo dichiarato del gruppo è di rafforzare e promuovere i valori sionisti in tutta Israele, specialmente nei campus universitari.[NdT]

La vignetta  che ha scatenato le minacce di morte (titolo in lettere ebraiche: 10 giornalisti uccisi nell’attacco a Charlie Hebdo a Parigi (in alto), circa 13 giornalisti uccisi la scorsa estate nell’attacco a Gaza (in basso)
(Noa Olchowski)

No comments: